Seleziona una pagina

Il direttore artistico del Teatro Stabile Valerio Binasco inaugura la stagione con un omaggio al teatro e alla sua natura istrionica mettendo in scena il cult di Michael Frayn, portato al cinema da Bogdanovich. Un cast d’eccezione, guidato dallo stesso Binasco, interpreta una compagnia di attori sull’orlo di una crisi di nervi.

Valerio Binasco dirige un cult comico: Rumori fuori scena dell’inglese Michael Frayn, celebrazione delle goffe imprese di una compagnia di scalcagnati teatranti. Binasco ha una lunga e felice frequentazione con i meccanismi della commedia e con grandi autori come Goldoni, Shakespeare, Molière: naturale quindi per lui approdare al testo che meglio svela, con affettuoso sarcasmo, le dinamiche che si nascondono dietro a uno spettacolo teatrale. In tre atti, allestimento, debutto e tournée di una farsa erotica: gli spettatori assistono alla prova generale della pièce, congegno perfetto di entrate e uscite, ma anche di divertenti equivoci. La quotidianità del teatro lascia spazio alla sua natura istrionica: il pubblico si trova a sbirciare dietro le quinte, tra animate ripicche e rivalità. Una posizione privilegiata, per Binasco: «Sembra che la missione poetica del teatro comico borghese sia quella di dare vita a un mondo “normale” del tutto simile al nostro, ma dove il male e il peccato non appartengono al diavolo. Gli uomini, spiriti ingenui votati alla libertà e all’indulgenza, possono comportarsi in modo libero, seguendo gli impulsi più “normali” senza mai incorrere nel pericolo di incontrare la propria “coscienza” o di soffrire per il giudizio altrui e di dover reggere il peso delle conseguenze dei propri atti». Rumori fuori scena ha debuttato nel 1982 a Londra, trasformandosi immediatamente in un successo internazionale. Nel 1992, lo spettacolo è stato trasposto in un film diretto da Peter Bogdanovich e interpretato tra gli altri da Michael Caine e Christopher Reeve.


di Michael Frayn
traduzione Filippo Ottoni
con (in ordine alfabetico) Francesca Agostini, Valerio Binasco,
Fabrizio Contri, Andrea Di Casa, Giordana Faggiano, Elena Gigliotti,
Milvia Marigliano, Nicola Pannelli, Ivan Zerbinati
regia Valerio Binasco
scene Margherita Palli
costumi Sandra Cardini
luci Pasquale Mari
Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale
con il sostegno di Fondazione CRT